Nuovo ceppo di influenza aviaria in Cina, aumentano le vittime

india_jugo.it

E’ notizia delle ultime ore, infatti, che oltre ai casi già noti dei giorni scorsi registrati a Shanghai appunto, ci sarebbero altre tre persone colpite dal nuovo ceppo dell’aviaria, il virus H7N9. Si tratta di un uomo e di tre di donne, delle quali soltanto una sarebbe stata a contatto con i polli poiché allevatrice di professione.

Le vittime morte a causa della nuova epidemia di influenza aviaria sarebbero in totale quattro: due uomini, uno di 87 e uno di 27 anni, che lavoravano come macellai di pollame, e una donna di Nanchino di 45 anni che era allevatrice di uccelli. La Commissione per la salute nazionale cinese ha fatto sapere che i due uomini presentavano sintomi quali tosse e febbre, tramutatisi poi in una grave forma di polmonite. A questi decessi se ne aggiungerebbe un quarto, secondo quanto diffuso da alcuni social network: una delle tre donne della zona di Jiangsu, macellaia di professione.

Le autorità di Shanghai hanno elaborato un piano di allerta al fine di monitorare i casi considerati a rischio. Il piano prevede che le scuole, gli ospedali e i centri per anziani siano obbligati ad allertare le autorità sanitarie competenti nel caso in cui, nel periodo di tempo di una settimana, ci siano più di cinque casi di febbre. L’Ufficio Sanitario locale, infatti, si è preso l’impegno di assumere delle efficaci contromisure attraverso le quali tenere sotto controllo e prevenire il virus letale.

L’H7N9 è una mutazione del più conosciuto H5N1, il ceppo più noto dell’aviaria che dal 2003 ha causato 360 decessi certificati, fatto strage di uccelli e afflitto,  a più riprese, l’intero continente asiatico.

LOrganizzazione Mondiale della Sanità – OMS ha precisato che la variante H7N9, mai riscontrata prima negli esseri umani, nella maggior parte dei casi non infetta l’uomo.

Per quanto riguarda l’H5N1, inoltre, l’OMS attribuisce la maggioranza dei casi a contatti delle vittime con pollame infetto, mentre per quanto concerne l’H7N9 i primi tre casi di contagio registrati a Shanghai non mostravano evidenza alcuna di una trasmissione tra umani; tuttavia, al riguardo, l’OMS ha riconosciuto la necessità di effettuare ulteriori approfondimenti clinici.

 

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Nuovo ceppo di influenza aviaria in Cina, aumentano le vittime