Obesità, allarme per i bambini europei

Organizzato dalla Rete HBSC e dall’Ufficio Europeo dell’OMS per gli Investimenti per la Salute e lo Sviluppo di Venezia, in collaborazione con la Regione Toscana e il Meyer di Firenze, l’incontro mira ad individuare nuove ed efficaci strategie per la promozione della salute tra i giovani. In Europa, infatti, sono circa 14 milioni i bambini che soffrono di obesità o sovrappeso, con particolare concentrazioni nelle fasce di popolazioni meno abbienti. Lo conferma una ricerca condotta dall’International Obesity Task Force, che fissa al 30% la quota di bambini tra 7 e 11 anni colpiti da questi problemi, e al 20% quella dei ragazzi di età compresa tra i 13 e i 17 anni. Obesità e sovrappeso appaiono così strettamente legati ad aspetti socio-economici e culturali, a quello "stile di vita" che si acquisisce in età giovanissima dalla propria famiglia, dalla scuola e dal contesto sociale. Un’educazione alimentare corretta, proposta sin dai primi anni di scuola, potrebbe quindi risultare determinante per promuovere uno stile di vita corretto ed attenuare eventuali differenze sociali. Durante il primo giorno dei lavori,  organizzato al Convitto della Calza di Firenze, si è affrontata la situazione nella penisola italiana, mentre nei giorni successivi e fino all’11 marzo si analizzerà il panorama internazionale. Secondo Erio Ziglio, responsabile dell’ufficio Oms di Venezia, l’obesità rappresenta una vera e propria epidemia che va affrontata in tutta Europa con programmi e strategie da radicare nella società. Dello stesso avviso anche Aldo Pinchera, presidente della Commissione alimentazione e salute della Regione Toscana, che afferma come la dieta non basti e auspica un aumento dell’offerta di attività fisica nelle scuole, per sopperire all’impossibilità di alcune famiglie di far praticare sport ai propri figli.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Obesità, allarme per i bambini europei