Obesità: DNA ancora sotto accusa

Lo studio, condotto su un campione di oltre 90mila soggetti, si è inoltre soffermato sul legame tra l’ormai "famigerato" gene Fto e l’Mc4r, ricollegando al binomio, almeno nelle varianti sotto accusa dei singoli geni, la causa di un aumento medio di peso pari a ben 3,8 Kg.Mentre restano da indagare tutti i meccanismi alla base del fenomeno, a poche settimane dalla scoperta dell’azione del gene Fto, l’approfondimento sull’Mc4r e sul legame del Recettore 4 della Melanocortina proprio con l’Fto confermano che può esistere una predisposizione genetica all’obesità.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Obesità: DNA ancora sotto accusa