Occhi al cielo, lunedì c’è l’eclissi

Seguite queste semplici indicazioni, si potrà seguire lo show del nostro amato sole in totale sicurezza. Il momento "clou" è previsto intorno alle 11:15, quando il fenomeno produrrà un oscuramento della superficie apparente del disco solare compreso tra il 60 e l’80%, tanto che il sole avrà le sembianze di una falce nel cielo. Per assistere al meglio a questo straordinario fenomeno, l’Istituto Nazionale di Astrofisica ha realizzato un apposito sito dedicato all’evento (www.eclisse2005.it). Qui si potranno trovare le informazioni necessarie ad una corretta conoscenza del fenomeno dell’eclissi, come osservarla e fotografarla in sicurezza e una sezione per conoscere la storia delle eclissi passate. Sul sito web sarà inoltre possibile seguire tutte le fasi dell’eclissi, trasmesse dal telescopio solare dell’Osservatorio di Catania. Sempre l’Istituto Nazionale di Astrofisica ha poi voluto "condire" l’evento con una serie di iniziative per il pubblico, organizzate dalle strutture di Ricerca dell’Istituto a Bologna, Catania, Napoli, Milano, Palermo, Roma e Teramo. A Bologna l’appuntamento è fissato ai Giardini Margherita, dalle 10 fino alle 12:30, dove il personale del locale Osservatorio e del Dipartimento di Astronomia sarà a disposizione per rispondere ai quesiti e alle curiosità del pubblico presente. A Catania l’Osservatorio Astronomico organizza nella propria sede visite guidate e proiezioni multimediali e sarà possibile osservare l’evento direttamente al telescopio solare. Dall’Osservatorio Astronomico di Brera a Milano e dalla sede di Merate sarà poi possibile seguire l’eclissi con appositi visori schermati. Da Merate sarà possibile osservare le fasi dell’anularità inviate via web dall’Università di Valencia e altri Osservatori. L’eclissi, infatti, verrà vista come anulare da quelle persone che si troveranno in una fascia larga circa 200 Km, che si estende dal Nord dell’Oceano Atlantico, attraverso Spagna e Portogallo, parte dell’Africa sino all’Oceano Indiano. Tornando all’Italia e alle manifestazioni del 3 ottobre, presso l’Osservatorio di Napoli-Capodimonte si terranno due conferenze pubbliche sull’eclissi di Sole e sulla sua osservazione. Dalle 10:30 alle 12:30 sarà possibile seguire l’evento con il supporto degli astronomi dell’Osservatorio. La Cattedrale di Palermo sarà invece il luogo di incontro per chi vorrà seguire, dalle 8:30 alle 13:30 circa, l’eclissi con la guida di astronomi del locale Osservatorio. All’Osservatorio di Roma, a Monteporzio Catone, si potrà seguire l’evento sia su un maxischermo che direttamente al telescopio. Per l’occasione si terranno anche tre conferenze ed una mostra sull’attività di Ricerca condotta dal personale dell’Osservatorio. Infine, l’Osservatorio di Teramo sarà aperto al pubblico dalle 09:30 alle 13:00. I visitatori, assistiti da personale dell’Osservatorio, potranno seguire il fenomeno nella cupola storica con il telescopio rifrattore da 40 cm equipaggiato con appositi filtri e saranno offerte visite guidate al Museo dell’Osservatorio. Maggiori informazioni su www.eclisse2005.it.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Occhi al cielo, lunedì c’è l’eclissi