Ombre e luci del nuovo Papa

Jeorge_Bergoglio_jugo.it

La prima impressione che il nuovo Papa ha lasciato ai fedeli in attesa della sua proclamazione è stata quella di un uomo cordiale, gentile e soprattutto frugale: particolarmente nota all’interno della curia, infatti, è la sua attenzione alla povertà; il suo interesse per la condotta dei vescovi, cui è sempre stato molto vicino; il suo essere contrario all’ostentazione della ricchezza e rigoroso nell’osservazione dei voti.

In un momento delicato come questo, dopo le dimissioni di Benedetto XVI e le notizie di ripetuti episodi di pedofilia, si spera che il primo Francesco della Storia possa riportare l’ordine e ricostruire un po’ della credibilità che la Chiesa vede sgretolarsi sempre di più. Soprattutto per rinnovare la popolarità della Chiesa stessa e la sua vicinanza ai credenti: impresa comunque difficile.

Quello che non è noto alla maggioranza dei fedeli, e che è forse sfuggito nel clima di entusiasmo generale per la rapida elezione del nuovo pontefice, è il passato di Jorge Bergoglio, argentino conservatore la cui elezione potrebbe far arroccare la Chiesa su posizioni ancora intransigenti, in merito ad alcuni temi di dibattito pubblico come i matrimoni gay. Bergoglio ha addirittura affermato che le nozze tra omosessuali costituirebbero “la distruzione del piano di Dio”.

L’accusa più fondata e circostanziata contro Bergoglio, mossa dall’autore de El Vuelo Horacio Verbitsky, riguarda il disinteresse del Papa per alcuni giovani parroci del suo ordine troppo esposti ai rischi delle loro opere sociali per i più poveri. Proprio uno di loro, Orlando Yorio, aveva raccontato a Verbitsky di essere stato consegnato all’ammiraglio piduista Massera.

Ecco quindi che fa capolino l’abitudine della Chiesa Cattolica a non giudicare con lo stesso metro le dittature di destra, che sono più disposte a sostenerla, e quelle di sinistra: la dissoluzione del comunismo in paesi come la Polonia è stata sicuramente accelerata dal sostegno anche economico che Giovanni Paolo II, per esempio, aveva fornito al gruppo operaio Solidarność.

In attesa dell’operato di Francesco I, si spera che la Chiesa possa davvero farsi attraversare da un rinnovamento che da troppi secoli le passa vicino, senza colpirla.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Ombre e luci del nuovo Papa