Ondate di calore: 10 consigli per non rischiare

Per cercare di evitare gli effetti drammatici registrati nel corso delle estati precedenti, torna quindi utile il decalogo pubblicato dal Ministero della Salute nel 2003: 10 semplici accorgimenti per la prevenzione.La prima è quella di evitare di uscire e, ancor più, svolgere attività fisica nelle ore più calde della giornata (dalle ore 12.00 alle 17.00).La seconda riguarda invece l’uso di un ventilatore o di un condizionatore per vivere in un ambiente rinfrescato. Questi elettrodomestici contribuiscono a ridurre l’umidità dell’aria, dando una sensazione di beneficio anche se la temperatura della stanza non diminuisce molto. Quando si passa da un ambiente molto caldo ad uno con aria condizionata, però, è meglio coprirsi: questo vale per tutti ma in particolar modo per chi soffre di bronchite cronica.Il terzo accorgimento è quello di ripararsi la testa con un cappellino quando si sta al sole e, in auto, usare tendine parasole. In particolare, chi soffre di diabete deve esporsi al sole con cautela, onde evitare ustioni serie, a causa della minore sensibilità dei recettori al dolore.Quarta regola: n caso di cefalea provocata da un colpo di sole o di calore, bagnarsi subito con acqua fresca, per abbassare le temperatura corporea.Quinta: bere molti liquidi (almeno due litri al giorno, di più se si svolge attività fisica); l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) consiglia di bere anche se non se ne sente il bisogno, in quanto vanno reintegrate le perdite quotidiane di minerali (soprattutto potassio , sodio e magnesio) e liquidi, evitando le bevande gasate, zuccherate e troppo fredde; queste ultime contrastano con la temperatura corporea e potrebbero provocare l’insorgenza di congestioni gravi; evitare inoltre bevande alcoliche e caffè che, aumentando la sudorazione e la sensazione di calore contribuiscono alla disidratazione.Sesto punto: non assumere integratori salini senza consultare il proprio medico.Settimo: fare pasti leggeri, preferendo la pasta, la frutta e la verdura alla carne e ai fritti; in estate c’è bisogno di meno calorie.Ottavo: indossare indumenti chiari, non aderenti, di cotone o lino, in quanto le fibre sintetiche impediscono la traspirazione oltre a provocare irritazioni di tipo allergico, fastidiosi pruriti e arrossamenti che potrebbero complicare la situazione.Nono: chi soffre di ipertensione arteriosa (pressione alta) non deve interrompere o sostituire di propria iniziativa i farmaci antiipertensivi, anche in caso di effetti collaterali, ma consultare sempre il proprio medico.Infine, l’ultimo suggerimento diventa un consiglio a coloro che soffrono particolarmente il caldo e che non vogliono rinunciare alla villeggiatura: in vacanza privilegiare le zone collinari o quelle termali.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Ondate di calore: 10 consigli per non rischiare