Online La Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia

L’iniziativa di digitalizzazione, ossia la dematerializzazione dei fascicoli pubblicati dal 1861 al 1946 e, in prospettiva, fino al 1987 (circa Cnipa ed è stata annunciata in occasione del convegno "Per una PA senza carta: dal progetto alla realtà", dal prof. Pierluigi Ridolfi, componente del Cnipa e presidente la Commissione Interministeriale sulla dematerializzazione. Il progetto si chiama "Au.G.U.Sto", acronimo di Automazione della Gazzetta Ufficiale Storica, e richiederà investimenti una tantum da parte del Cnipa per un milione di euro. Ma, come ha spiegato Ridolfi, "considerando che una raccolta completa, fino al 1987, occupa circa 25 mq di spazio e nell’ipotesi conservativa che almeno in 5 mila uffici italiani sia presente non meno del 20% della raccolta completa, il progetto consentirà di recuperare 25 mila mq, pari a 12 edifici di 5 piani, con un risparmio di almeno un milione e mezzo di euro l’anno. Cautelativamente si può inoltre valutare che per la gestione di queste raccolte con la digitalizzazione permette di risparmiare non meno di 2 giorni/uomo l’anno con una notevole razionalizzazione delle risorse umane, che così possono essere occupate per lavori più proficui, determinando una economia non inferiore ad un altro milione e mezzo di euro l’anno". La Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia e della Repubblica italiana fino al 1987 sarà poi consultabile direttamente nel sito del Cnipa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Online La Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia