OpenOffice: crescono download e interesse

Ad annunciare il successo dell’alternativa a Microsoft Office (a pagamento) è stata l’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, alla vigilia della Conferenza Internazionale e Italiana di Orvieto.Nel solo mese di settembre, i download di OOo sono stati 855.450, ovvero uno ogni tre secondi (comprese le notti e i fine settimana). Continuando a questo ritmo, il numero dei download può superare gli otto milioni entro la fine dell’anno, confermando la crescita della quota di mercato della suite, a cui InfoWorld attribuisce una percentuale del 13,5% nel mondo Windows (che in Europa è più alta del 50% rispetto agli Stati Uniti). Sommando le installazioni in ambito MacOS e Linux, la quota di mercato di Openoffice.org supera il 15%.In Italia, nei primi sei mesi del 2009, il numero dei download di OpenOffice.org è stato superiore del 25% (4,1 contro 3,1 milioni) rispetto al numero dei nuovi PC (fonte: Assinform e Associazione PLIO). Si tratta di una conferma dello stato di salute del progetto e dell’aumento dell’interesse nei confronti della suite da parte di privati, enti e aziende. Da segnalare inoltre che, sempre nel corso di settembre, il numero delle estensioni per OOo ha superato le 400 unità. Il gruppo più numeroso è quello degli strumenti linguistici, con oltre 100 estensioni che coprono non solo le lingue nazionali ma anche quelle regionali.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > OpenOffice: crescono download e interesse