Oscar: Morricone e Scorsese sfatano il tabù

Nominato per ben cinque volte, Morricone si era visto sfuggire il riconoscimento per colonne sonore divenute celebri nei film "Days of heaven" (1978), "Mission" (1986), "Gli intoccabili" (1987), "Bugsy" (1991) e "Malena" (2001). Così come per Ennio Morricone, anche Martin Scorsese è riuscito ad infrangere il tabù Oscar nell’edizione 2007 dell’evento.Al sesto tentativo, infatti, Scosese si porta a casa quattro Oscar per "The Departed" (tra cui Miglior film e Miglior regia). Per quanto riguarda gli altri premi, a Helen Mirren (The Queen di Stephen Frears) è andato il premio come migliore attrice protagonista. Statuetta per il migliore attore protagonista a Forrest Whitaker per "The Last King of Scotland", mentre Al Gore si porta a casa l’Oscar per il documentario sull’effetto serra "An Inconvenient Truth". Niente da fare invece per Will Smith, protagonista de "La ricerca della felicità" di Gabriele Muccino, mentre bene è andata alla costumista italiana Milena Canonero, Oscar per "Marie Antoinette" di Sofia Coppola. Nulla da fare invece per i nostrani Aldo Signoretti e Vittorio Sodano, scenografi di "Apocalypto" di Mel Gibson.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Oscar: Morricone e Scorsese sfatano il tabù