Pac Car, oltre 5000 km con un litro

In realtà la PAC-Car, che ha raggiunto il primato sul circuito francese di Ladoux, utilizza celle a combustibile ed ha consumato 1,07 grammi di idrogeno, equivalenti per l’appunto a circa un litro di carburante tradizionale. Il record, quindi, acquisisce notevole importanza anche dal punto di vista dell’impatto ambientale. L’auto produce infatti energia elettrica attraverso una reazione chimica tra idrogeno e ossigeno, rilasciando nell’ambiente come “gas di scarico” del semplice vapore.

Il prototipo utilizzato, che pesa appena 30 chliogrammi, è stato sviluppato grazie ad una collaborazione tra Ufficio federale dell’energia, Istituto Paul Scherrer, Università di Valenciennes e alcuni partner industriali e ha visto impegnati nella realizzazione e nella guida una ventina di studenti del Politecnico. Per costruire la PAC-Car sono state utilizzate le tecnologie più recenti nel campo delle celle a combustibile, dell’aerodinamica e dei materiali ultra leggeri. Ricordiamo che le pile a combustibile producono energia elettrica grazie a reazioni di tipo elettrochimico e non comportano la combustione diretta di una carburante.

La conversione dell’idrogeno in corrente elettrica avviene infatti tramite il contatto dell’elemento con l’aria (ossigeno), rilasciando esclusivamente energia, acqua e calore. Di certo non sarà cosa facile vedere sulle nostre strade veicoli simili alla PAC-Car, ma sperimentazioni di questo genere aiutano lo sviluppo di energie alternative che permetteranno, nel prossimo futuro, di abbattere i costi e sopratutto le emissioni inquinanti dei motori tradizionali.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Pac Car, oltre 5000 km con un litro