Palermo Pride 2013. Orlando in piume di struzzo

palermo_pride_jugo.it

Sindaco Orlando, in conferenza stampa con un boa di struzzo fucsia

“Che cosa c’è di strano”? Esordisce così il sindaco Leoluca Orlando quando, in conferenza stampa, ha lanciato il Palermo Pride 2013. E, per dimostrare ulteriormente che l’amministrazione palermitana sostiene il pride più a Sud d’Europa, il primo cittadino si è presentato ai giornalisti con un boa di piume di struzzo fucsia attorno al collo. Lo stesso Comune di Paleremo ha dato il suo patrocinio: “l’amministrazione comunale sostiene il Pride con 10mila euro -ha dichiarato Orlando- ben poca cosa rispetto all’indotto e alle attività economiche che la manifestazione porterà a Palermo”.  E, per la prima volta, anche la Regione Sicilia ha appoggiato questa iniziativa dando così un segnale tangibile di apertura e innovazione.

La manifestazione, promossa dal movimento LGBT (lesbico, gay, bisex e transessuale) e dedicata alla rivendicazione del diritto all’uguaglianza di tutti, si terrà il prossimo 22 giugno anche se le varie iniziative, quali dibattiti, incotri, mostre, concerti e spettacoli, inzieranno il 14 giugno, si concluderanno il 23 e graviteranno attorno al Pride Village,  uno spazio allestito proprio al centro della città. Madrina dell’iniziativa sarà Maria Grazia Cucinotta che si è detta entusiasta e orgogliosa di sostenere il Palermo Pride.

Per le strade del capoluogo siciliano sono previsti circa 40mila partecipanti che sfileranno su tredici carri coloratissimi. Insieme con gli esponenti dei movimenti omossessuali ci saranno anchestudenti, migranti, lavoratori e disoccupati. ”E’questa la Sicilia che vogliamo farvi conoscere, la Sicilia che noi amiamo”, dicono entusiasti dal sito del Palermo Pride gli organizzatori.

“Palermo non è un quadro, -ha sostenuto il sindaco Orlando- è un mosaico fatto di tante tessere tutte diverse. Il punto è: quale cornice mettiamo? In passato c’era la cornice del fascismo, dell’intolleranza ma noi oggi vogliamo mettere quella del rispetto dei diritti di tutti e di ognuno”.

E questo è proprio lo stesso spirito che muove le anime dell’inziativa, ovvero il desiderio di regalare al mondo un’immagine nuova del Sud del nostro Paese, spesso (e a torto) tacciato come arretrato o distante dall’Europa.

Anche se, proprio Palermo si è già mossa in tal senso, ad esempio con le due mozioni di recente approvazione contro l’omofobia e a favore del riconoscimento delle coppie di fatto (comprese quelle omosessuali). Il Palermo Pride è dunque l’occasione per confermare le capacità di innovazione che la città e tutta la Sicilia possiedono.

 

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Palermo Pride 2013. Orlando in piume di struzzo