PalmSource trova Linux in Cina

La combinazione dei software Palm Os e CMS coinvolgerà l’offerta in
tutti i settori di prodotto ed in tutte le fasce di prezzo. “Questo è
l’ultimo passo nel nostro lavoro di sviluppo ed è una pietra miliare per
l’industria della telefonia mobile. Abbiamo pianificato di offrire per tutta la
telefonia mobile la facilità di utilizzo e la flessibilità per le quali 
Palm OS è conosciuto. – ha detto David Nagel, presidente e CEO di PalmSource -
Crediamo che la combinazione di PalmSource, CMS e Linux ci darà la tecnologia e
una ampiezza di mercato tali da farci competere con le più grandi aziende
produttrici di sistemi operativi.” La China
MobileSoft offre già ai propri clienti una vasta gamma di software per la
telefonia mobile, compresa oltre una di dozzina di applicazioni per cellulari. L’azienda
sta inoltre sviluppando una versione di Linux ottimizzata per i dispositivi mobili.
L’obiettivo è quindi quello di realizzare nuovi software totalmente compatibili
con Palm OS. “Siamo molto eccitati per l’accordo con PalmSource che di
fatto crea la prima compagnia al mondo di “mobile software” veramente
globale. – commenta Madeline Duva, CEO di China MobileSoft – Noi crediamo che la
sinergia tra la piattaforma Palm OS e i software di CMS, apra nuove possibilità
di mercato per entrambe le aziende a livello mondiale.” PalmSource ha in
programma di implementare Palm OS su Linux, offrendo così nuove possibilità ai
tanti sviluppatori di Linux, una comunità che conta oltre 25 milioni di utenti ed oltre 360.000 sviluppatori
registrati. L’azienda si vuole così proporre come un vero partner, al fine di
promuovere una più rapida diffusione delle applicazioni sviluppate con Linux.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > PalmSource trova Linux in Cina