Panariello non esiste fa 6,5 milioni ma può crescere ancora

Giorgio Panariello

La grande attesa per il debutto di “Panariello non esiste” si è tradotta con un buon successo di telespettatori per lo show di Giorgio Panariello, bravo ad alternare momenti da one-man show e altri di puro varietà. Messi alle spalle personaggi cult come “Mario il bagnino”, il comico toscano si è messo in gioco scegliendo di offrire al pubblico nuove caricature, tutte da scoprire, dal bizzarro stilista Homo Vogue all’eccentrico ballerino cubano Sirvano, fino ad un originale Nicolas Sarkozy alle prese con la cancelliera tedesca Angela Merkel (Salemme).

Tra gag e buffi siparietti, come quello con Salvo Sottile di “Quarto Grado”, Giorgio Panariello (foto Photomovie/Gianmarco Chieregato) si è distinto per la chiara volontà di non monopolizzare il video, concedendo quindi ampio spazio agli ospiti Tiziano Ferro, James Taylor, Micaela Ramazzotti e Vincenzo Salemme, oltre alla cantante e “spalla fissa” nel programma Nina Zilli. Ecco, se un appunto può essere fatto al buon Giorgio è quello di aver sfruttato poco le qualità di Nina, artista di qualità e con un ottimo potenziale televisivo, grazie alle doti di bellezza e brillantezza.

Ad ogni modo, per Giorgio Panariello c’è ancora tempo in abbondanza per aggiustare il tiro su qualche dettaglio di “Panariello non esiste”, solo alla prima delle quattro puntate previste per il programma di Canale 5. La base da cui partire, gli oltre 6,5 milioni di telespettatori dell’esordio e il 27,29% di share, è più che buona e alla rete ammiraglia Mediaset non fa certo rimpiangere gli ascolti del Grande Fratello 12 che, nella vecchia collocazione del lunedì sera, si era ormai attestato sui 4 milioni.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Panariello non esiste fa 6,5 milioni ma può crescere ancora