Parte la produzione ‘Logan’ in Russia

La costituzione della Avtoframos
risale al 1998, data dell’accordo siglato dalla Casa francese con il Comune di
Mosca, istituzione che ne detiene una quota azionaria del 24%. Grazie agli
investimenti Renault, quantificabili in circa 230 milioni di euro, sta ora per
decollare  anche in Russia la produzione della Logan. Per il primo di
attività anno le vetture ad uscire dalla catena di montaggio dovrebbero essere
circa 60.000, un numero comunque destinato ad aumentare rapidamente. In questa
fase lo stabilimento da lavoro a circa ottocento dipendenti, che dovrebbero
salire a duemila nel corso del prossimo anno. Il mercato russo si presenta come
uno dei più interessanti per la commercializzazione delle nuove Logan. Stando
ai dati forniti da Renault, ben l’80% delle auto commercializzate nell’ex
Unione Sovietica sono quelle con un prezzo inferiore agli 8.000 euro. In un
mercato di questo tipo, Logan si inserisce come elemento strategico per i piani
della Casa francese. L’auto sarà il modello base della gamma Renault e
rappresenterà un’offerta unica capace di ampliare la fascia di potenziali
clienti del Marchio. Per
il modello Logan si tratta del secondo impianto realizzato da Renault, dopo
quello inaugurato lo scorso anno in Romania con il marchio “Dacia”.
Nel prossimo futuro la produzione delle Renault
Logan sbarcherà anche in Marocco, Colombia, Iran e, nel 2007, in India.
L’obiettivo è quello di raggiungere l’impressionante capacità produttiva
annuale di oltre un milione di autovetture entro il 2010.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Parte la produzione ‘Logan’ in Russia