Parte la ‘Settimana della Scienza’

L’osservatorio climatico di Lampedusa teatro di incontri e conferenze; “science cafè” su tematiche scientifiche di attualità; seminari sulla gastronomia spaziale; laboratori interattivi sulla prevenzione dei disastri naturali; la realizzazione di un forno solare; la creazione di una stazione radiofonica dedicata al cielo e di un sito internet sullo studio della montagna. Sono soltanto alcune delle iniziative che compongono il calendario della quindicesima Settimana della cultura
scientifica. Rispetto alla scorsa edizione, il programma della manifestazione di
quest’anno può contare su un numero di iniziative decisamente maggiore: sono
infatti 706 le manifestazioni, contro le 551 del 2004, che saranno organizzate da scuole, associazioni, università, enti di ricerca pubblici e privati, fondazioni ed enti locali. I temi scelti dal Ministero sono cinque: “Le grandi scoperte della Fisica del XX secolo e le loro applicazioni”, “Centralità dell’acqua”, “L’energia alla base delle moderne società industriali”, “Nuove prevenzioni e nuove terapie per una miglior salvaguardia della salute”, “Dallo spazio straordinarie informazioni sulla Terra e sulla sua collocazione nell’Universo”. Su questi argomenti, e su altri liberamente scelti dagli enti e dalle associazioni, il Miur intende promuovere la riflessione e l’approfondimento attraverso conferenze, convegni, forum, visite, mostre, eventi vari. Il calendario delle manifestazioni, suddivise per regione, provincia e comune, è consultabile sul sito del Ministero
www.miur.it oppure direttamente sul sito speciale
www.plinio.net gestito dal Cilea, che fornisce informazioni utili sugli enti organizzatori, i luoghi e gli orari delle iniziative. Questi alcuni numeri dell’edizione 2005 della Settimana: oltre 400 tra workshop, tavole rotonde, seminari, forum, dibattiti, convegni e conferenze; 241 i laboratori aperti, 92 le mostre, 73 le visite guidate e 23 le proiezioni.
Il totale è di 706 manifestazioni, che interessano gran parte delle discipline scientifiche: in testa Scienze fisiche con 250 iniziative, seguite da Scienze biologiche (190), Scienze della terra (120) e Scienze chimiche (90). Numerose, tra queste, le iniziative che interessano trasversalmente aree tematiche diverse. Sarà il Sud a proporre il maggior numero di eventi, 310: in testa la Campania (140), cui va la palma della regione più attiva d’Italia, seguita a distanza da Sicilia (80) e Puglia (59). Nel Nord sono in calendario circa 250 manifestazioni: la regione di riferimento è l’Emilia Romagna (88), che precede la Lombardia (34) e il Piemonte (27). Boom di iniziative anche al Centro (146): la più attiva il Lazio (58), seguita da Molise (41) e Toscana (40).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Parte la ‘Settimana della Scienza’