Password e pin addio, arriva il MOC

L’Istituto di informatica e telematica ha infatti progettato un sistema che consente di verificare l’identità del titolare attraverso la sua impronta digitale, confrontandola con quella “memorizzata” nella smart card. Sia i dati (l’impronta di un polpastrello) sia l’algoritmo di verifica si trovano all’interno della carta ed è quindi impossibile manometterli per violarne la sicurezza. Essi, inoltre, non lasciano mai il supporto, non attraversano alcun canale di comunicazione, impedendo l’intercettazione da parte di un malintenzionato. Anna Vaccarelli, responsabile del settore "sicurezza informatica" dell’Iit-Cnr di Pisa, ha dichiarato: "Questa tecnologia, prende il nome di Match-on-Card (Moc), è in grado di fornire una maggiore sicurezza e privacy. Attualmente viene usata una tecnologia più semplice, la Toc (Template-on-Card), nella quale il supporto smart card offre sì la possibilità di memorizzazione dei dati, ma lascia al pc quella di verifica mediante la digitazione del pin”. Il Moc consente invece di firmare digitalmente un documento solo dopo un’autenticazione biometrica positiva con il riconoscimento dell’impronta, sostituendo i codici che invece potrebbero essere sottratti e copiati. A confortare gli studiosi sono poi due elementi: la velocità dell’operazione (pochi secondi) e la percentuale di falsi positivi (meno dello 0,1%). Fugato anche l’eterno dubbio sull’utilizzo di dita ricostruite artificialmente o asportate: "Le contromisure previste dai lettori di impronta digitale consentono infatti di rilevare l’autenticità attraverso le proprietà elettriche o fisiche legate alla vitalità dell’individuo, i segnali involontari come il battito o la pressione sanguigna, l’elasticità naturale della pelle, umidità e temperatura.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Password e pin addio, arriva il MOC