Piano Man: il genio senza memoria

Una vicenda che sembra uscita da un film ma che, in realtà, sta dando un gran da fare agli investigatori inglesi, che al momento altro non possono fare che passare al vaglio le numerosissime segnalazioni arrivate alla hot line per le persone scomparse. Centinaia di telefonate ed e-mail, infatti, stanno arrivando alle autorità inglesi, dopo che il
Guardian ha diffuso la triste vicenda del pianista colpito da totale amnesia.
L’ipotesi che sembra essere tenuta in maggior considerazione è quella che si tratti di Martin Sturefält, un giovane e virtuoso musicista svedese che vive tra Londra e Stoccolma. Il misterioso
“Piano Man”, infatti,sarebbe stato riconosciuto da un esperto di musica classica dopo che i servizi sociali del Kent, hanno divulgato la sua foto tra le orchestre di tutta Europa. In attesa che la notizia venga confermata, resta comunque attiva la linea per segnalare eventuali informazioni utili a riconoscere
l’uomo dall’età approssimativa di venticinque anni. Forse è bene ricordare i pochi indizi che lui stesso ha saputo fornire del suo passato: messo di fronte ad un pianoforte ha cominciato a suonare il «Lago dei Cigni» di Tchaikovsky ed altri pezzi sconosciuti, probabilmente da lui composti; parla correntemente la lingua inglese e, dopo che gli sono state date carta e penna, ha vergato il disegno di un grande piano a coda. Indicazioni assai deboli che pur, si spera, riescano a portare a qualche elemento più concreto. Resta il mistero di come in una società globalizzata in cui
l’informazione viaggia in tempi rapidissimi, non si sia ancora riusciti a dare un nome al povero
“Piano Man”.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Piano Man: il genio senza memoria