PMI: nasce una guida ai finanziamenti

Un esempio di come la carenza di informazioni sui finanziamenti pubblici costituisca un vero e proprio freno alle attività produttive, viene dal caso dei fondi UE inclusi nel programma di Lisbona. Per il progetto, nel periodo 2000-2006, è stata stanziata una somma di oltre 200 miliardi di euro sotto forma di sovvenzioni, prestiti, premi, incentivi fiscali o sussidi a supporto dell’innovazione e della crescita delle PMI e degli enti pubblici locali. Per questo programma, l’Unione Europea prevede poi di aggiungere un’ulteriore stanziamento per il periodo 2007-2013, pari a circa 300 miliardi di Euro. Purtroppo, la carenza di informazioni ha fatto sì che solo il 45% delle piccole e medie imprese europee sia a conoscenza di questi finanziamenti o sia in grado di comprendere quale programma di finanziamento sia più indicato alla propria situazione e ai propri progetti. Inoltre, a causa della complessità dei processi necessari per richiedere i finanziamenti, solo il 4% delle aziende decide di presentare richiesta e, di queste, solo il 25% riesce ad accedere al finanziamento. In Italia la situazione non è certo migliore, dato che nel 2003 sono state concesse agevolazioni per circa 8 miliardi di euro (in calo del 26% rispetto all’anno precedente) ed erogati fondi effettivi per circa 6 miliardi di euro (in calo del 22%). Ancora peggiori i dati sulle domande di finanziamento presentate nel 2003, quasi dimezzate rispetto al 2002. Nell’ottica di promuovere l’attività delle PMI e rafforzare la capacità di investimento, HP, Intel e Microsoft hanno quindi siglato l’accordo chiamato “Innovazione e Finanziamenti”. Il progetto è già partito con lo sviluppo del programma European Union Grants Advisor, implementato con modalità differenti nei diversi Paesi a seconda delle specifiche esigenze. L’obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza e la comprensione delle piccole e medie imprese rispetto ai fondi stanziati dall’Unione Europea, comprese le opportunità finanziarie rese disponibili dagli stati membri a livello centrale, regionale o locale, e facilitarne il processo di richiesta. Una delle prime iniziative realizzate nell’ambito di “Innovazione e Finanziamenti”, è la creazione di un portale informativo dedicato, accessibile dai siti Internet italiani delle tre società. Le PMI, inoltre, possono usufruire gratuitamente della consulenza di partner qualificati per individuare i finanziamenti più adatti alle proprie necessità e per sottoporre richieste di finanziamento alla Commissione Europea o agli Enti nazionali preposti. “Innovazione e Finanziamenti” collabora inoltre con Banca Intesa, per rendere più agevole per le PMI anche l’accesso al credito privato.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > PMI: nasce una guida ai finanziamenti