Porte aperte per la nuova Volkswagen Touran

Presentata all’ultimo Salone di Parigi, la nuova generazione della monovolume compatta Volkswagen propone sostanziose novità per quel design e tecnologia, distinguendosi per Calandra e gruppi ottici in stile Eos e per l’innovativo sistema ParkAssist, per un parcheggio agevole anche in spazi ristretti grazie all’automazione della sterzata. Di particolare interesse anche il motore TSI con un livello di potenza al top. Partendo dall’anteriore, la nuova Touran si riconosce al primo sguardo per lo stemma Volkswagen cromato più prominente applicato alla griglia del radiatore, un nuovo paraurti e i gruppi ottici dal taglio incisivo che ricorda lo stile Eos. A richiesta i fari si possono avere bi-xeno e attivi. Nella parte posteriore, le nuove luci e i paraurti con linea analoga a quelli anteriori, sottolineano le peculiarità della Touran di seconda generazione.

Numerose le modifiche agli interni, mentre la dotazione di serie arricchita completa l’ampio pacchetto di interventi. Come accennato, desta molta curiosità il ParkAssist, un optional che comprende il Parkpilot (sensori di parcheggio anteriori e posteriori). Il ParkAssist, attivabile attraverso un pulsante, consente di parcheggiare automaticamente il veicolo: se la velocità non supera i 30 km/h, un sensore a ultrasuoni rileva al passaggio del veicolo tutti i parcheggi liberi presenti sia a destra, sia a sinistra della carreggiata e paralleli ad essa e una volta individuato lo spazio adatto, una centralina calcola la manovra di parcheggio ideale. Poi il ParkAssist comunica al conducente la posizione da cui iniziare la manovra emettendo un segnale sonoro. Una volta inserita la retromarcia, bastano 15 secondi per “infilare” la monovolume nello spazio vuoto. Durante tutta la manovra il conducente non deve far altro che accelerare e frenare, a sterzare ci penserà la Touran.

All’interno, la nuova generazione della Touran ha un look più giovanile e raffinato grazie a nuovi tessuti e inserti. Ne è un esempio la consolle centrale della plancia, ora rivestita da una lamina di acciaio legato, soluzione estesa anche alla parte superiore della plancia, attorno al vano portaoggetti. La versione base Conceptline è inoltre impreziosita dai nuovi interni “Media”. A bordo è di serie l’impianto radio-CD RCD 300 con lettore MP3 integrato. Anche sotto il profilo della sicurezza non esistono compromessi. Airbag anteriori, laterali e per la testa sono compresi nell’allestimento standard, come pure il sistema di controllo della stabilizzazione ESP, comprese le funzioni di assistenza alla controsterzata e stabilizzazione del rimorchio.

Fino a sette passeggeri e una capacità di carico fino a 1.989 litri: il sistema a sedili singoli della Touran apre nuove prospettive in fatto di versatilità. In poche mosse, i tre sedili della seconda fila si possono scambiare di posto, far scorrere in senso longitudinale e spostare trasversalmente, ripiegare o smontare. La Touran può essere dotata di una terza fila di posti. Il bagagliaio può raggiungere una capacità di 1.989 litri, a seconda della configurazione dei sedili.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Porte aperte per la nuova Volkswagen Touran