Previsioni: pochi soldi per i saldi

Il trend dei saldi previsto dal movimento politico è quindi negativo. Carlo Rienzi, portavoce della Lista Consumatori, a tal proposito ha dichiarato: "La situazione economica attuale ed il carovita che da oltre 3 anni ha ridotto fortemente il potere d’acquisto delle famiglie, sposta sempre più i consumi verso i generi primari e le spese fisse (bollette, mutui, rate, ecc.), impedendo così ai cittadini di approfittare dei saldi stagionali". Sempre dal movimento arriva poi la proposta per cercare di migliorare l’attuale situazione. Si tratterebbe di varare la vetrina delle occasioni, ovvero spazi fissi nei negozi con beni, anche fuorimoda, in offerta a prezzi stracciati e, al contempo, liberalizzare i saldi. Così facendo, sottolineano dalla Lista Consumatori, gli esercenti potrebbero scegliere il momento più adatto per realizzare sconti veri, mentre ai consumatori si darebbe la libertà di scegliere di acquistare solo quando davvero necessitano di un bene e non nel solo periodo dei saldi.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Previsioni: pochi soldi per i saldi