Prima colazione: pancia piena, portafogli vuoto

A sottolineare il "caro prima colazione" è l’Adoc, il sindacato dei consumatori, autore di un’indagine curiosa ed un po’ inquietante. Secondo le stime dell’Associazione, mediamente i costi per i prodotti da bar sono aumentati del 14,7% rispetto al 2007, mentre i prodotti da consumare a casa hanno subito rincari medi dell’8,4%.Aumenti diffusi quindi, al bar più che a casa, che devono far riflettere. I rialzi maggiori, spiegano dall’Adoc, li hanno subiti il latte, in rialzo del 12,8% e i suoi derivati, quali burro (+32,8%) e yogurt (+18%). Il forte rincaro della frutta (+36% in un anno), ha comportato un aumento del costo della marmellata, un barattolo costa l’8,2% in più del 2007, e dei succhi di frutta, in rialzo del 7,3%. Anche i prodotti di derivazione cerealicola segnano aumenti, come il pancarrè per i toast (+14,2%) e le fette biscottate (+11,8%).Al bar, un classico caffè e cornetto costa l’8,8% in più del 2007, mentre un cappuccino è aumentato di quasi il 9%, come un bicchiere di succo di frutta e una tazzina di caffè al ginseng. Anche uno spuntino veloce come tramezzino e succo di frutta costa il 6,5% in più dell’anno scorso.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Prima colazione: pancia piena, portafogli vuoto