Prima giornata dell’omeopatia

Anche l’Italia, forte di 9 milioni di persone fanno ricorso alle cure
omeopatiche, non mancherà di celebrare questo importante appuntamento. Il senso
della manifestazione e il peso che oggi registra la medicina omeopatica sono stati spiegati in una conferenza stampa tenuta a Macerata, nella sala del Consiglio provinciale, da Renzo
Galassi, presidente per l’Italia della “Liga” e direttore dell’Accademia omeopatica marchigiana, assieme a Silvana
Salvucci, delegata regionale dell’Associazione pazienti
omeopatici. Solo nelle Marche sono in attività oltre un centinaio di medici omeopatici e, secondo
un’indagine realizzata dall’associazione “Apo”, sono circa 22 mila coloro che si curano attraverso
l’omeopatia. “Si tratta soprattutto di giovani – ha detto il dottor Galassi – con prevalenza delle donne sugli uomini e numerosi risultano i bambini e i
ragazzi”. Nel corso della conferenza stampa lo stesso Galassi ha richiamato
l’attenzione sul rigore e la serietà della medicina omeopatica e sulla necessità di affidarsi soltanto a medici specializzati nel settore. A questo proposito la
“Liga” sta portando avanti un progetto di formazione triennale per favorire la specializzazione dei laureati in medicina, così da qualificarli e attestarne la capacità professionale in materia. Corsi aperti anche a medici odontoiatri e veterinari. Da parte sua, Silvana Salvucci – parlando dal punto di vista del paziente omeopatico – ha sottolineato non solo
l’efficacia di questo tipo di medicina, ma soprattutto ha ricordato la necessità di affidarsi a medici di riconosciuta esperienza in questo campo, che seguono fedelmente gli studi di Samuele Hahnemann, fondatore
dell’omeopatia. Alla conferenza è intervenuto anche Giulio Silenzi che, in qualità di presidente della
Provincia di Macerata,
che ha espresso il sostegno e l’adesione dell’Ente all’iniziativa del 10 aprile.
Lo stesso presidente, portando anche una testimonianza personale, ha evidenziato come in Italia ci sia bisogno di una crescita culturale in tale settore per raggiungere i livelli di altre nazioni europee in cui il ricorso
all’omeopatia è certamente più diffuso.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Prima giornata dell’omeopatia