Profumo di rosa per una memoria super

Per arrivare a tali conclusioni, gli studiosi hanno esposto alcuni volontari alla fragranza, in momenti diversi della giornata, rilevando migliori performance della memoria. Secondo quanto dichiarato dai ricercatori Björn Rasch, Steffen Gais, Jan Born e Christian Buechel, le analisi avrebbero inoltre indicato una maggiore attività proprio nell’ippocampo, l’area del cervello associata alla memoria.In particolare, l’inalazione della fragranza durante la fase notturna del sonno profondo si sarebbe rivelata un vero toccasana per la memoria dei volontari coinvolti nell’esperimento che, il giorno seguente, avrebbero conseguito performance mnemoniche ben superiori a coloro che invece avevano inalato la fragranza in altri momenti del sonno.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Profumo di rosa per una memoria super