Raoul Bova e l’amore impossibile

Fabrizio, questo il nome del docente, è infatti affetto dalla sindrome di Asperger, un morbo molto simile all’autismo e che gli impedisce di provare qualsiasi sentimento. Proprio a causa dalla sua condizione, Fabrizio si divide tra quella che una volta era la casa dei suoi genitori e l’Università, senza diversivi che possano in alcun modo distoglierlo dalla routine quotidiana. Il suo, infatti, è un mondo chiuso, un piccolo orticello nel quale coltiva abitudini ormai metodiche e, spesso, ossessive. Poi c’è Caterina, anche lei affetta da gravi problemi di salute. Giovane e attraente, Caterina vive però nella condizione di clochard, cercando di cancellare un passato scomodo ed i problemi psicologici attraverso i farmaci. Entrambi carenti di affetto e bisognosi di aggrapparsi l’uno all’altro, Fabrizio e Caterina scopriranno un rapporto tutto particolare, dove lei vedrà scontrare la sua proiezione dell’amore ideale con la situazione di lui, "svuotato" dei sentimenti. "La fiamma sul ghiaccio" propone una storia che trae dolcezza da una situazione dove regna l’assurdità della condizione dei protagonisti. Con il film, si arriva a comprendere come l’amore possa sbocciare anche dove il terreno è meno fertile e come questo possa addirittura rappresentare l’unica ancora di salvezza. Stupisce, poi, ritrovare Raoul Bova nei panni di un personaggio tanto diverso da quelli già interpretati, così come sarebbe troppo facile ricollegarlo al Dustin Hoffman di "Rain Man". Privo di ogni sentimento, Fabrizio è infatti immerso in una potenziale storia d’amore, dalla quale non può però attingere. E che cos’è peggio della privazione? "Mi sono fatto aiutare dallo stesso psichiatra che mi aveva introdotto a questa malattia – ha spiegato Bova – e che mi aveva presentato il ragazzo affetto da questa sindrome a cui mi sono ispirato". Nel film "La fiamma sul ghiaccio" stupisce anche l’insolito Max Giusti: l’attore comico è infatti impegnato, per la prima volta, in un ruolo drammatico. Per la pellicola, il divertente "Lotito" di "Quelli che il calcio" diventa il padre di un bambino affetto da una grave malattia. Si tratta di un ulteriore conferma delle capacità dell’istrionico artista Romano. Nelle sale dal 10 marzo, "La fiamma sul ghiaccio" è distribuito dalla Albatross Amp.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Raoul Bova e l’amore impossibile