RC Auto: perchè ci costa così tanto

Il presidente Antonio Catricalà si è espresso alla Commissione nell’ambito dell’Indagine conoscitiva sulle dinamiche del mercato dell’assicurazione per la responsabilità civile. Riguardo all’argomento, l’Antitrust aveva avviato un’indagine conoscitiva lo scorso maggio, con i dati che sono attualmente all’analisi degli addetti.Esistono comunque elementi già noti al Garante che, dalla liberalizzazione del mercato avvenuta nel 1994, non ha notato "un efficace processo concorrenziale". "Conseguentemente – spiega l’Antitrust – non si è avuto un riflesso positivo sul contenimento dei prezzi".Pur sottolineando la particolarità dei mercati assicurativi e finanziari, Catricalà denuncia che "ci sono stati comportamenti apertamente collusivi, che l’Autorità ha sanzionato", ma anche problemi strutturali, con vertici aziendali comuni tra società concorrenti: "il 71% delle compagnie assicurative, considerate nell’Indagine svolta dall’Autorità sul tema della corporate governance di banche e assicurazioni, presentava legami costituiti da amministratori comuni con i propri concorrenti; tali imprese rappresentavano l’87% dell’attivo totale del settore".Ancora Catricalà sottolinea poi la scarsa diffusione dei broker assicurativi, in grado di far risparmiare il cliente con soluzioni specifiche, e la scarsa propensione degli automobilisti a cambiare compagnia assicurativa.Compara gratis le tariffe Rc Auto delle maggiori compagnie con Cercassicurazioni.it

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > RC Auto: perchè ci costa così tanto