Roma: nuovo polo della ricerca

Per l’occasione, il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha voluto inviare un messaggio augurale a Rita Levi Montalcini, presidente della Fondazione Ebri : “Pubblico e privato associazionismo e volontariato devono contribuire a diffondere, attraverso la creazione di una rete sempre più capillare di centri di ricerca e di terapia, una più forte condivisione sociale del sapere scientifico per garantire una migliore qualità della vita”. Il Premio Nobel ha inoltre festeggiato all’Ebri il suo novantaseiesimo compleanno, salutato con un “tanti auguri a te” cantato in coro anche dai due ministri presenti, e commentando ironicamente: “Sono felice di essere tra i viventi a poco meno di un secolo di vita”. La Levi Montalcini ha poi ricostruito le fasi dell’ideazione dell’ istituto da lei ipotizzato nel 2001 e ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a realizzare quello che lei ha definito un “miracolo”. Presentando l’European Brain Research Institute, il Ministro Moratti ha dichiarato che si tratta di “ricerca d’avanguardia per sconfiggere le malattie invalidanti ed un eccellente esempio di cooperazione pubblico-privato” e lo stesso Ministro ha aggiunto che racchiude "la presenza di risorse umane di altissima qualità, la confluenza di ricercatori su tematiche di grande interesse e attualità, con il contributo attivo di scienziati di livello internazionale e la disponibilità di risorse e competenze sia pubbliche che private. Sono questi – ha detto ancora la Moratti – i quattro ‘ingredienti’ essenziali che potranno assicurare il successo di un’iniziativa ambiziosa come il nuovo polo di ricerca integrato sulle Neuroscienze, che si deve innanzitutto all’impegno e alla leadership della professoressa Rita Levi Montalcini”. Fabio Pistella, presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ha poi ringraziato coloro che hanno partecipato all’iniziativa: “Un disegno strategico voluto fortemente dallo stesso Ministro Moratti che, in linea con il riordino degli enti di ricerca avviato dallo stesso Ministro, ha sostenuto ampiamente l’alleanza siglata fra CNR, EBRI, Fondazione Santa Lucia, Regione Lazio e Filas spa, volta a creare una massa critica in grado di competere a livello internazionale, nella ricerca sulle neuroscienze”. Il polo della ricerca sulle neuroscienze nasce su una struttura di circa 25 mila metri quadrati, di cui parte già utilizzati dai laboratori dell’EBRI e dalla Fondazione Santa Lucia. In particolare, l’accordo prevede che per le spese connesse alla progettazione, realizzazione ed attività dell’accordo, sia costituito un fondo speciale regionale, la cui dotazione è pari a 4 milioni 500 mila euro, nel triennio 2005-2007, ripartiti equamente sui tre anni. Il CNR, la Fondazione Santa Lucia e la Fondazione EBRI mettono a disposizione dell’accordo i risultati dei propri progetti. In particolare, il CNR sta trasferendo circa 90 fra ricercatori e tecnici, di alto livello scientifico. La Regione Lazio, attraverso la Filas spa, ha messo a disposizione le competenze nella valutazione economica di progetti imprenditoriali innovativi, per promuovere e favorire la collaborazione e il trasferimento alle pmi, anche tramite la promozione di “spin-off” da attività di ricerca. Inoltre, l’iniziativa punta a sviluppare collaborazioni con centri internazionali, allo scopo di promuovere il rientro di cervelli in Italia ed attrarre ricercatori stranieri.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Roma: nuovo polo della ricerca