Sara Tommasi e il film hard: domani è il giorno della verità

Si tratti di alieni, Iene o sostanze proibite, il debutto da pornostar di Sara Tommasi ha più il colore giallo del mistero che delle luci rosse. Il countdown verso l’uscita de Il mio primo film hard, il film che per qualcuno potrebbe anche intitolarsi La mia prima volta, non è solo scandito dalla grande attesa dei fan che da settimane danno la caccia al video sul web, ma anche da continue accuse indirizzate verso il produttore Federico De Vincenzo.

Negli ultimi giorni, infatti, il web è stato testimone prima dell’esposto-denuncia (documento in Pdf) di Alfonso Luigi Marra, dove viene ricostruita in maniera inquietante la situazione di Sara Tommasi, e in seguito dell’intervento, o presunto tale, della mamma della showgirl attraverso Facebook, nel quale la donna entra nei dettagli della fuga in autostrada della figlia… a quanto pare mai avvenuta.

Secondo la donna, infatti, Sara Tommasi non è mai partita per il night toscano in cui avrebbe dovuto esibirsi dal vivo e tantomeno si è dileguata dall’Autogrill di Lodi in compagnia di un camionista: “Le affermazioni di De Vincenzo sono totalmente inventate, perché Sara era con me ed il padre, e Federico ne era perfettamente al corrente – spiega la signora Cinzia su Facbook -. Non ha fatto altro che tempestarla di telefonate, per spingerla, nonostante il suo stato di salute, ad andare allo spettacolo del 30 giugno a Firenze”.

Da queste parole e da quelle pronunciate dall’avvocato Marra nel suo esposto contro De Vincenzo si possono dedurre almeno due cose: Sara Tommasi non sta bene e tutta la vicenda ruota intorno a molte bugie, siano queste del produttore del film hard o di altri personaggi che ruotano intorno a Sara. Ad ogni modo, il giorno della verità è vicino, in quanto l’uscita del primo film porno di Sara è fissata per domani… non stupiamoci, però, se arriveranno nuovi colpi di scena.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Sara Tommasi e il film hard: domani è il giorno della verità