SCH-E580: cellulare per non vedenti

Il primo modello, dedicato a non vedenti ed ipovedenti con difficoltà nel leggere il display dei cellulari, è stato infatti presentato a fine dicembre 2004 da SK Telecom e si chiama Samsung SCH-E580. Si tratta di un nuovo concetto di telefonino, denominato “Helper Phone” (in inglese: telefono che aiuta), capace di illustrare le funzioni del terminale attraverso una voce guida, attivabile con la semplice pressione prolungata del tasto “5″ (il tasto centrale, già distinguibile in tutti gli apparecchi per il piccolo rilievo di tasto o scocca). Come avviene in molti software per computer con funzioni per non vedenti, anche l’SCH-E850 adotta una un sistema di lettura capace di sostituire la normale funzione del display. L’”Helper Phone” di Samsung consente infatti, attraverso la voce guida, di scorrere il registro delle chiamate perse ed effettuate, consultare la lista degli SMS e scriverne di nuovi semplicemente dettandone il testo (si detta anche per salvare i numeri in rubrica) e richiamare in modo intuitivo i numeri corrispondenti alle chiamate perse. Sempre attraverso la voce guida, l’SCH-E850 è in grado di fornire indicazioni sullo stato del telefono, come copertura della rete, livello di carica della batteria, ora e sveglia. Con il rinnovato accordo per lo sviluppo di terminali “Helper Phone”, Samsung e gli altri partecipanti al progetto sembrano finalmente venire incontro alle esigenze delle persone non vedenti (o con difficoltà visive), da sempre costretti “all’antica arte di arrangiarsi” con telefonini studiati per utenti normovedenti.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > SCH-E580: cellulare per non vedenti