Scordatevi gli omini verdi: vanno di moda i temponauti

Se, fino a pochi anni fa, tutti gli avvistamenti di oggetti non identificati nel cielo venivano classificati quali presenze di abitanti di altri pianeti, ora si va facendo strada un differente tipo di approccio.

La tendenza che sta prendendo piede è quella che identifica gli occupanti degli Ufo non già come “extraterrestri”, quanto piuttosto come “temponauti“, o viaggiatori del tempo, complice sicuramente il Web, ma anche alcune recenti dichiarazioni di storici testimoni.

Quanto questa teoria sia di moda, lo si può scorgere anche dalla recente indagine sul Web effettuata da Robert Nemiroff e Teresa Wilson del Michigan Technological University, i quali hanno provato a verificare eventuali ricerche sul Web da parte di ipotetici “temponauti” su fatti e avvenimenti non ancora accaduti.
L’esperimento ha riguardato Google e Twitter. gli studiosi hanno controllato se esistevano riferimenti alla cometa ISON ed a Papa Francesco prima del 2013. Sino all’anno scorso, nessuno conosceva il nome della cometa e quello scelto da Bergoglio.
Risultati? Zero, ma i ricercatori hanno dichiarato: «può darsi che i viaggiatori del tempo non vogliano farsi scoprire ed abbiano un metodo per cancellare le loro tracce dal Web».

Ad incrinare la monolitica teoria extraterrestre ci ha pensato uno dei principali testimoni del più importante avvistamento del Regno Unito. In quello che è conosciuto come “l’incidente della foresta di Rendlesham” del 1980, alcuni militari britannici della base di Bentwaters si mossero per verificare la presenza di un presunto velivolo alieno; tra questi, il sergente maggiore James Penniston, il quale ha sempre sposato la teoria Ufo, salvo cambiare versione nel 2013: “si trattava di tecnologia terrestre evoluta ed appartenente a viaggiatori temporali“.

Un notevole apporto alla teoria dei “temponauti” giunge, come dicevamo, dalla Rete: si va dal famosissimo film – divenuto virale sul Web – di Chaplin (“The Circus” – 1928) dove un personaggio sembra utilizzare un telefonino, allo scatto di Marilyn ripresa da una donna con quello che pare un moderno Iphone, dallo spettatore dell’inaugurazione del Gold Bridge nella Columbia Britannica (1941) il quale indossa occhiali non dell’epoca, sino a individui fuori dal tempo che compaiono in dagherrotipi della guerra civile americana o operaie degli anni ’50 che conversano amabilmente tramite cellulare.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Scordatevi gli omini verdi: vanno di moda i temponauti