Seat Exeo: la nuova berlina spagnola

Tutta la gamma è poi in linea con la normativa EURO 5 e presenta tre diversi allestimenti: Reference, Style e Sport. Seat Exeo è inoltre disponibile in 14 colori per gli esterni che si possono combinare a 6 diversi interni.

Già nella versione Reference, il modello di base, sono previsti 7 airbag di serie a cui possono essere aggiunti i due airbag posteriori per il torace, disponibili come optional su tutta la gamma. La versione Reference prevede di serie inoltre doppio climatizzatore, ABS + TCS, ESP con servofreno di emergenza (EBA), cerchi in acciaio da 16 pollici, computer di bordo, alzacristalli elettrici, specchietti retrovisori elettrici e riscaldabili, fendinebbia, chiusura centralizzata con telecomando, radio CD con MP3 con ingresso audio ausiliario (Aux-in) e quattro altoparlanti, attacchi Isofix per il sedile anteriore lato passeggero e per i sedili laterali posteriori, dotati anche di ancoraggi di sicurezza Top Tether. Ancor più ampia la dotazione per le versioni Style e Sport

La SEAT Exeo, propone poi un sistema di navigazione di ultima generazione, un nuovo sistema di infotainment con molteplici funzioni e tipi di connessione (MP3, IPOD, USB, Bluetooth), oltre alla novità rappresentata dal tetto con celle fotovoltaiche che, in estate, permette di azionare il sistema di ventilazione anche quando l’auto è parcheggiata senza che si scarichi la batteria, perché si alimenta grazie all’energia generata dalle radiazioni solari.

Passando ai motori, Seat Exeo propone in fase di lancio cinque propulsori: tre a benzina e due Diesel, di cui quattro Turbo, tutti dotati di cambio a 6 marce. E, in futuro, è previsto l’arrivo del motore 2.0 TSI con cambio sequenziale automatico Multitronic.

Tra i propulsori a benzina, il modello base è il motore 1.6. È un 4 cilindri aspirato da 1.595 cc che sviluppa 102 CV (75 kW) di potenza, a fronte di una coppia massima di 148 Nm a 3.800 giri. Il motore intermedio della gamma a benzina è il propulsore 1.8 turbo 150 CV (110 kW), dotato di intercooler per il raffreddamento del turbocompressore e con una coppia massima di 220 Nm a 1.800 giri. Il più potente è il 2.0 TSI da 200 CV (147 kW). Si tratta di un quattro cilindri turbo, a iniezione diretta, con due intercooler che raggiunge una coppia massima di 280 Nm a 1.800 giri.

Passando ai Diesel, tutti i modelli sono dotati del propulsore da 2 litri e 4 cilindri del Gruppo Volkswagen, da cui si ottengono tre diverse potenze (120, 143 e 170 CV). Tutti i motori sono dotati di filtro antiparticolato (DPF) che, posto vicino al motore, ne migliora l’efficienza. Detto che la versione da 120 CV (88 kW) di potenza arriverà solo a settembre, segnaliamo che la versione base al momento dell’introduzione nel mercato è quella da 143 CV (105 kW), con una coppia massima di 320 Nm, raggiunta nell’intervallo tra 1.750 e 2.500 giri. Il propulsore più potente è invece quello da 170 CV (125 kW), che è stato ottenuto grazie alla maggiore pressione del turbo e alla maggiore portata della pompa dell’acqua, oltre alla presenza di un doppio intercooler, come nella versione da 143 CV (coppia massima di 350 Nm tra 1.750 e 2.500 giri).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Seat Exeo: la nuova berlina spagnola