Sempre più pulito il mare italiano

Se, in generale, vengono rispettati gli standard europei del 93,8%, nel dettaglio va sottolineato come la parte di costa inquinata sia diminuita, anche se solo di 13,1 Km, rispetto allo scorso anno. Su 7375,3 Km, 242,8 sono permanentemente inquinati, 32,9 vietati temporaneamente per l’art.6 del DPR 470/82 e 144,7 vietati temporaneamente per l’art.7 dello stesso DPR. La costa vietata per motivi indipendenti dall’inquinamento, come parchi o zone militari, è di 878,3 Km, mentre quella non controllata, per la maggior parte perchè inaccessibile è di Km 1044,9. Come spiegato da Cesare Cursi, sottosegretario alla Salute, le Regioni in cui si registra un netto miglioramento della balneabilità sono la Campania e la Sicilia, mentre il Lazio, e in particolare la provincia di Roma, presentano una posizione nella quale la costa balenabile diminuisce. I dati dimostrano, quindi, che una forte attività di controllo, portata avanti da tutte le istituzioni coinvolte, può realmente incidere sulla qualità del mare italiano. Il risultato è positivo su tutti i fronti, sia per chi vive del turismo, come gestori di stabilimenti balneari, commercianti e artigiani, sia per chi vuole vivere il turismo, ovvero per tutti coloro che decidono di trascorrere le proprie vacanze sul territorio italiano. Soddisfazione è stata espressa anche da Legambiente, che saluta con un "bentornato" il rapporto del Ministero della Salute. Roberto Della Seta, presidente nazionale dell’associazione ambientalista, sottolinea infatti come da anni sia stato chiesto invano di presentare i dati sulla balneabilità prima dell’inizio della stagione estiva. Quest’anno il rapporto è arrivato con puntualità, ma, sostiene Della Seta: "Il risultato non deve far abbassare la guardia, perché il 6% del nostro mare è ancora inquinato".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Sempre più pulito il mare italiano