Senigallia ospita Pane Nostrum 2010

Giunto alla decima edizione, infatti, Pane Nostrum andrà ad occupare le vie che vanno da Piazza del Duca e i giardini della Rocca Roveresca con i celebri forni a cielo aperto, i laboratori del gusto Slow Food, i corsi per imparare a fare il pane riservati ad adulti, bambini e celiaci.I pani sono una selezione di quelli che hanno animato 10 anni di manifestazione: di filiera marchigiani, francesi, inglesi, tedeschi, ma anche pani e delizie da forno siciliani, trentini, toscani, pani presidio Slow Food.Dai Pani di filiera Marchigiani come il Pane del Duca, Pane al Farro e il Pangallo, ai classici francesi come le Baguette e i Croissants (dei panificatori della città di Sens gemellata con Senigallia). Dal Pane Igp di Matera, al Pane di Altopascio, per arrivare ai pani inglesi (dei panificatori di Chester gemellata con Senigallia) come il Bloomer Seeded Bread, Cottage Floured, gli hot cross buns e il brown bread with (Pane con noci, formaggio, uvetta e albicocche) o ancora i tradizionali tedeschi Laugenbrezel, il Traubenbrote e lo Zopf (treccia al burro dei panificatori di Lorrach anch’essa gemellata con Senigallia). Dalla Sicilia (Nicolosi) arrivano il Pane Etneo tradizionale con farina di semola di grano duro e lievito naturale, la Mafalda Siciliana con il sesamo e la Schiacciata Cudduruni la tipica focaccia ripiena di Lentini con cipolla dorata, bietole da foglia, pecorino primo sale, e pomodoro. Presenti anche i pani delle cerimonie dalla Sardegna, e poi la Pinza e il Kuccalar della Valle dei Mocheni (Trentino). Dai presidi Slow Food Italia il Testarolo Pontremolese (Toscana), la Marocca di Casola (Toscana), Pane di patate della Garfagnana (Toscana), Pane tradizionale dell’Alta Murgia (Puglia), Pane tradizionale di Lentini (Sicilia), Ur-Parl della Val Venosta (Trentino Alto Adige). Sempre dalle Marche il Pane delle Terre di Frattula (con farina macinata in proprio con mulino a pietra) e tanti altri pani marchigiani da conoscere e apprezzare, grazie al progetto di certificazione della Camera di Commercio di Ancona "Marchio Qualità Panifici Provincia di Ancona". E poi ancora focacce e tante piccole prelibatezze salate e dolci, da forno, come i famosi Calcioni di Serra San Quirico con formaggio e zucchero.Gli assaggi di pane saranno accompagnati da degustazioni di vini marchigiani a cura dell’A.I.S. Associazione Italiana Sommelier Marche Delegazione di Ancona. Per quattro giorni, i maestri panificatori mettono idealmente in scena uno spettacolo di gestualità e fragranze, preparando il pane davanti al pubblico e raccontando le diverse tecniche, l’evoluzione e le tradizioni di tutta Europa. I visitatori osservano, assaporano, chiedono, annotano ricette e segreti, condividono lo spettacolo della panificazione, che prima di tutto è un gesto d’amore. E per chi ama farsi coinvolgere direttamente nelle situazioni, Pane Nostrum propone i corsi per imparare a fare il pane, pensati sia per adulti che per bambini, così come pure corsi riservati a celiaci in collaborazione con l’AIC, con una parte teorica e una pratica. I corsi di panificazione sono gratuiti e si consiglia la prenotazione (338.7547793) perché richiestissimi e sempre affollati.Prenota un hotel a Senigallia in occasione di Pane Nostrum 2010. Scegli la struttura, risparmia sul prezzo e paga direttamente in hotel.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Senigallia ospita Pane Nostrum 2010