Serie A per veri duri

Dopo le polemiche del calcio-scommesse e dei fallimenti di società storiche come il Napoli del sempre acclamato Maradona, la massima serie italiana si ritrova in campo con la novità delle 20 squadre. Uniformato ai campionati di Spagna ed Inghilterra, il calcio italiano segue, più per necessità derivanti dai problemi della scorsa stagione, il modello europeo. In controtendenza con le richieste dei Top clubs, già impegnati sul fronte europeo, e con il problema dei nazionali, la prossima Serie A vedrà le squadre impegnate in un torneo lungo e faticoso, con ben 5 turni infrasettimanali incastonati in un calendario fitto di appuntamenti quali coppe e qualificazioni mondiali. Una stagione intensa e ricca di appuntamenti che farà felici i fans televisivi e “stadaioli”, ma che rischierà di affaticare i giocatori con il rischio di peggiorarne il livello del gioco sia in campo nazionale che internazionale, ripercuotendosi sui risultati. Il 2004/05 non sarà solo sport e spettacolo, ma anche emozioni, quelle che ci regaleranno i vecchi e nuovi protagonisti dei campi di gioco. Se infatti il campionato si riappropria di talenti come Veron e Crespo e ne acquista di nuovi quali Ibrahimovic e Mido, è anche vero che da quest’anno qualcosa sarà diverso. Geni del pallone o pezzi di storia del nostro campionato, Roberto Baggio e Beppe Signori non mancheranno certo di farsi rimpiangere da tutti coloro che ne hanno ammirato le gesta. Due uomini diversi e due storie diverse che si sovrappongono proprio alla partenza di questa stagione. Sarà difficile dimenticare il “Divin Codino”, ritiratosi dal calcio a causa dei guai fisici e dell’età ormai avanzata, un giocatore ed un uomo di classe e che dai mondiali di Italia ’90 ha fatto piangere e gioire tutta la nazione con le sue gesta spettacolari. Per “Beppegol” invece, uno dei più grandi bomber italiani di tutti i tempi, si prospetta una nuova avventura in Grecia, per quella che, a 36 anni, potrebbe essere la sua ultima stagione. In un mix di calcio, problemi, nostalgia e televisioni, parte quello che da molti viene considerato il più bel campionato del mondo. Non resta che attendere, a lungo, per vedere come andrà a finire.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Serie A per veri duri