Serie A: un bel Milan cade a Palermo

Il capitano è infatti rimasto seduto in panchina per l’intero incontro a meditare magari sul suo rinnovo di contratto ancora lontano. Riflettori puntati invece sul big match di Firenze (2-2). Le assenze di Totti e Perrotta sembravano poter spostare gli equilibri della vigilia a favore dei gigliati, ma la forza della Roma ormai è di avere interpreti capaci di suonare a memoria lo spartito composto da Spalletti. Risultato: 4 gol, grande spettacolo, ritmo alto e due squadre che hanno tentato di superarsi fino all’epilogo probabilmente più giusto del pari. Il Milan (2-1 a Palermo) si lecca le ferite, inveisce contro Farina di Novi Ligure che non ha spiegato e forse non spiegherà mai come ha fatto a non vedere il controllo col braccio di Amauri nell’occasione del gol del pareggio rosanero, ma che deve riflettere seriamente sul suo parco portieri. Uno come Frey non farebbe comodo alla squadra di Ancelotti? Kalac, sostituto di Dida infortunato, esce a vuoto sul primo gol e la combina grossa sul 2-1 di Miccoli.Il Napoli (1-0) liquida in extremis la pratica Livorno, mentre il Catania (1-0) beneficia di una svista arbitrale per battere l’Empoli. Gioisce anche il Parma (2-0) che regola un Torino sul quale sembra essersi esaurito l’effetto Recoba, mentre il Genoa, nel segno di un redivivo Borriello, (3-2) ha ragione di un’Udinese svagato più del solito in difesa. Bene finalmente anche la Lazio (3-1 al Cagliari) mentre Siena e Atalanta (1-1) incassano un punto che scontenta i ragazzi di Mandolini ancora a secco di vittorie.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Serie A: un bel Milan cade a Palermo