Si chiamerà Windows XP edition N

Ad
annunciarlo è stato Horacio Gutierrez, avvocato generale di Microsoft per
l’Europa, dichiarando di aver comunicato alla Commissione di aver accettato
tutte le principali modifiche che ha richiesto. Pur non nascondendo alcune
perplessità sulla dicitura “Edition N”, che potrebbe causare
confusione per i clienti, Microsoft ha voluto così accelerare i tempi per
risoluzione della diatriba. Le nuove versioni ridotte di Windows, cioè quelle
sprovviste del lettore multimediale “Media Player”, sono già state
distribuite ai maggiori rivenditori europei. Produttori, distributori e clienti
finali potranno così scegliere se utilizzare la versione completa del sistema
operativo o quella denominata “Edition N”, installando poi un software
differente da quello incriminato (ad esempio i lettori Realnetworks o Apple)
. L’obbligo da parte di Microsoft di commercializzare una release ridotta di
Windows, nasce da una sentenza della stessa Commissione Europea. L’obiettivo dell’antitrust
comunitario è quello di limitare la posizione dominante dell’azienda americana
nel campo dei software per la gestione dei file multimediali. Difficile comunque
immaginare un successo immediato dell’operazione, tanto più che il prezzo di
vendita stabilito da Microsoft
per la “Edition N” rimarrà il medesimo della versione completa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Si chiamerà Windows XP edition N