Sigarette: tutto fumo e niente vista

E’ quanto emerge da uno studio britannico coordinato da
Simon Kelly, chirurgo oftalmologo dei Bolton Hospitals NHS Trust. La ricerca,
pubblicata sulla rivista
Eye,
bollettino ufficiale del The Royal College of Ophthalmologists, conferma come le
sigarette possano aumentare la probabilità di contrarre la maculopatia, una
delle più diffuse cause di cecità. Il rischio, inoltre, sarebbe direttamente
proporzionale alla quantità di sigarette fumate: maggiore è il consumo, maggiore
è il rischio si subire danni, anche permanenti, alla vista. Secondo Kelly ora è
necessario sensibilizzare i fumatori riguardo questa nuova minaccia, informando
sia sul reale rischio di andare incontro alla maculopatia, sia sui gravi effetti
che questa malattia può avere sulla vista. Se
i consumatori fossero consapevoli di questi ulteriori rischi legati al consumo
di sigarette, in molti potrebbero finalmente decidere di smettere, o comunque di
diminuirne le dosi. L’auspicio è, a questo punto, che vengano inseriti dei
messaggi sui pacchetti per informare anche sui danni alla vista, magari prima
che molti fumatori perdano per sempre la possibilità di leggerli.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Sigarette: tutto fumo e niente vista