Sonno: apnea notturna mette a rischio il cervello

I ricercatori dell’Istituto per la respirazione e il sonno di Melbourne hanno, infatti, evidenziato che l’apnea notturna può avere effetti deleteri su due particolari aree del cervello, una collegata alle funzioni della memoria (zona inferiore) e l’altra alla coordinazione dei movimenti (cerebellum).
Lo studio ha preso in esame un campione di 60 pazienti affetti apnea nel sonno, abbinati ad un gruppo di controllo di altre 60 persone, il cui cervello è stato tenuto sotto osservazione attraverso la risonanza magnetica.Analizzando i riflessi dell’apnea notturna sulla salute del cervello, i ricercatori hanno così potuto affermare che chi ne soffre rischia di essere più esposto a depressione e problemi di memoria, ma anche a incidenti stradali.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Sonno: apnea notturna mette a rischio il cervello