Sophos: così lo spam nel 2005

La ricerca,
condotta dai SophosLabs, la rete globale Sophos di centri di analisi dei virus e
dello spam, mostra che il volume di frodi azionarie online riguardante le
aziende – fenomeno a volte conosciuto come sistema "pump-and-dump" – è
cresciuto quest’anno di una percentuale pari al 10% ogni mese, rappresentando
l’8,5% di tutto il traffico di spam prodotto a partire dalla fine di giugno
2005. I messaggi indesiderati che offrono medicinali o cure, per esempio
versioni senza marca di Viagra e altri farmaci, costituiscono il 40% del
traffico totale. La top five dello spam vede saldamente in prima posizione la
categoria delle "Cure e Pillole" (41,4%), seguita da quelle dei "Mutui"
(11,1%) e dei "Contenuti per adulti" (9,5%); terza e quarta posizione vengono
occupate dalle categorie "Frodi azionarie" (8,5%) e "Prodotti" (8,3%).
"Negli ultimi sei mesi le categorie più ricorrenti relative alle cure mediche e
ai mutui ipotecari sono rimaste in cima alla classifica dello spam, ma
l’incremento delle frodi azionarie on line rappresenta una preoccupante minaccia
di tipo finanziario", ha commentato Graham Cluley, senior technology consultant
in Sophos. "I produttori di spam hanno l’obiettivo di far circolare in modo
veloce ed economico informazioni false relative alle azioni di alcune società
attraverso la posta elettronica, integrandole spesso a parti di comunicati
stampa ufficiali per cercare di ingannare i potenziali investitori".
La maggior
parte di queste campagne impiega metodi che creano confusione, usando piccole
variazioni all’interno delle parole, come ad esempio ‘st0ck’ o ‘stox’, per
evitare di essere riconosciute dai filtri antispam. I messaggi possono arrivare
in formati diversi, per esempio in HTML o solo testo, e vengono inviati per lo
più da PC "zombie" infettati. "Queste campagne sono in crescita e
rappresentano un trend pericoloso", dice Brian Burke, IDC Research Manager.
"Le frodi azionarie on line, insieme alle tecniche tradizionali del phishing,
possono arrecare danni finanziari rilevanti per le vittime di queste truffe".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Sophos: così lo spam nel 2005