Souvenir e accessori si rivendono online

E’ quanto emerge da una ricerca realizzata dal sito web di annunci Subito.it. E al rientro a casa che fine faranno tutti questi oggetti? La sorpresa è che solo un italiano su due è sicuro di riutilizzarli: metà di questi acquisti finirà in cantina, verrà riciclato per un regalo last minute o sarà buttato.Se l’euforia dell’acquisto estivo sparisce al rientro in città è comunque possibile recuperare parte del denaro speso e addolcire il rientro a casa. Il 90% di chi ha deciso di vendere l’attrezzatura acquistata prima delle vacanze lo farà online: in questo modo invece di far impolverare in soffitta il kit da campeggio che non useremo mai più è possibile finanziare lo shopping d’autunno e ritornare alla routine con il sorriso.La spesa più consistente è dedicata agli acquisti per prepararsi alle vacanze. Gli italiani hanno infatti speso oltre 7 miliardi di euro, che per un italiano su 3 sono finiti in libri e guide turistiche, amati soprattutto dal pubblico femminile. Il 24% degli intervistati, in particolare gli uomini, ha invece puntato sulle attrezzature tecnologiche (come fotocamere, videocamere e navigatori satellitari), seguite dalle attrezzature per rendere più comoda e divertente la permanenza in spiaggia e le nuotate.Anche se più della metà degli intervistati preferirebbe rinunciare ai souvenir, soprattutto quelli a quelli kitsch, tale spesa incide sul bilancio delle vacanze estive degli italiani per oltre 5 miliardi di euro. Abbigliamento e accessori vanno per la maggiore, scelti dal 46% degli acquirenti e seguiti da vicino da un 45% che preferisce prodotti enogastronomici. Leggermente distaccati soprammobili e altri oggetti d’arredamento. Le donne, sempre attente al look anche di amici e parenti, preferiscono abbigliamento e accessori mentre gli uomini, più golosi e forse meno attenti alla linea, prediligono i prodotti enogastronomici.Pur essendo appena tornati dalle vacanze c’è già qualcuno che, stanco di riempire i cassetti di soprammobili o semplicemente pentito di un acquisto ad impulso, ha pensato di immettere sul mercato dell’usato anche i souvenir ricevuti o acquistati. Il 78% di coloro che sono pronti a rivendere i souvenir ricevuti lo farebbe online, perché è semplice e bastano una foto e un click per incontrare un potenziale acquirente.Ecco la hit parade dei souvenir più odiati dagli italiani:Miniature di monumenti – statue – palazzi; Cd con le canzoni tradizionali del luogo; Palla di vetro con neve che cade; Manufatti con conchiglie; Prodotti enogastronomici acquistati al duty-free dell’aeroporto; Calamite colorate da attaccare al frigorifero; Abbigliamento o accessori con il nome del posto visitato; Statuette – amuleti che cambiano colore con il tempo.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Souvenir e accessori si rivendono online