Staminali: ricostruita pelle in Italia

Scuderi ha infatti affermato che, presso il dipartimento di Chirurgia plastica dell’Università di Roma "La Sapienza", sono state utilizzate ben tre diverse tipologie di cellule staminali, prelevate da 13 pazienti e reimpiantate negli stessi, in modo da curare lesioni gravi ed estese. Sempre durante il convegno è poi emersa un’ulteriore novità, questa volta riguardante l’uso del silicone per le protesi mammarie. Secondo Scuderi, in un prossimo futuro, anche la parte adiposa della mammella potrebbe sostituita da un tessuto di laboratorio, ottenuto da cellule staminali. Tra i progetti e le previsioni di Scuderi figurano anche gli studi riguardanti il cuore, il cui trapianto potrebbe venire soppiantato da una "sostituzione" con un nuovo muscolo cardiaco "coltivato" con cellule staminali. Sempre sul futuro, Scuderi afferma: "Si guarda alla vascolarizzazione delle parti applicate", così come alla creazione di bulbi piliferi.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Staminali: ricostruita pelle in Italia