Stress: da Marte la ricetta per la qualità della vita

L’innovativo esperimento, oltre che curioso, consente di esplorare nuove prospettive nel campo della "medicina prenosologica", una disciplina con competenze integrate per salvaguardare la qualità della vita dell’uomo. Lo studio del Centro Extreme sta infatti indagando l’incidenza dello stress e le risposte – fisiche e psicologiche – dell’organismo umano al confinamento forzato in un ambiente ristretto.A proposito dell’esperimento, chiusi negli spazi angusti della navicella spaziale NEK, sei astronauti russi hanno stanno simulando il viaggio dalla Terra verso Marte in prospettiva del viaggio in programma nel 2020.Il quadro che emergerà – oltre a costituire una premessa indispensabile per la spedizione – consentirà di saperne di più sulla reazione psicofisica dell’organismo umano allo stress originato da condizioni estreme. E permetterà di trovare una soluzione per allentare la tensione e prevenirla. Soluzione che, oltre che sugli equipaggi delle missioni spaziali, potrà avere ricadute sulla popolazione in generale e in particolare sarà di aiuto per capire la relazione fra stress, sonno e funzioni dell’asse cuore-cervello anche negli operatori (come pompieri, militari, addetti alla protezione civile) costretti a lavorare in condizioni estreme.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Stress: da Marte la ricetta per la qualità della vita