Switch off al digitale terrestre per il Nord Est

Ad oggi le famiglie "all digital" in Italia sono 6,7 milioni, pari al 28% circa del totale. Con il passaggio che si avvia il 25 ottobre, in un mese e 20 giorni passeranno altri 9,5 milioni di famiglie arrivando, alla fine dell’anno 2010, a 16,2 milioni di famiglie "all digital", pari al 65% del totale (due famiglie su tre).DGTVi, l’associazione italiana per lo sviluppo della Tv digitale terrestre, ricorda che per ricevere il segnale del digitale terrestre la popolazione coinvolta dovrà dotarsi di un decoder digitale da collegare al proprio televisore, oppure di un nuovo televisore che, dal mese di aprile dello scorso anno, è venduto solo se provvisto di decoder integrato. Nella maggior parte dei casi non si dovrà apportare alcuna modifica all’impianto di ricezione. Il digitale terrestre, infatti, si serve della comune antenna televisiva.Sempre DGTVi segnala che per agevolare la fascia economicamente più debole, il Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni ha predisposto un programma di contributi per l’acquisto del decoder digitale terrestre. Per usufruire di tale contributo, consistente in uno sconto di 50 euro per l’acquisto di un decoder di tipo interattivo, sarà sufficiente recarsi presso i rivenditori autorizzati che lo applicheranno direttamente ai soggetti che soddisfano tutti i seguenti requisiti: Residenza in uno dei comuni coinvolti nello Switch-Off; Età uguale o superiore ai 65 anni (compiuti o da compiersi entro il 31/12/2009); Reddito uguale o inferiore ai 10.000 euro (riferito alla dichiarazione dei redditi per l’anno 2008); Prova dell’effettivo pagamento del canone televisivo dell’anno in corso.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Switch off al digitale terrestre per il Nord Est