Tai-Chi: le macchine sentiranno come noi

Non si tratta di un’utopia, ma di ciò a cui stanno attualmente lavorando i ricercatori del Laboratorio ISPG e di Audio e Acustica del Politecnico di Milano nell’ambito del progetto europeo Tai-Chi – Tangible Acoustic Interfaces for Computer-Human Interaction. Lo studio parte dal presupposto che quando si tocca una superficie, con un dito ad esempio, si producono delle piccole vibrazioni che si diffondono in tutto l’oggetto, come se il dito provocasse una piccola scossa tellurica con epicentro nel punto di contatto. Per trasformare questa sollecitazione in un’informazione di controllo per un computer occorre, quindi, un "rivelatore di epicentri" in grado di funzionare in tempo reale. È questo il principio su cui si basa il sistema sviluppato dal Politecnico, che analizza segnali acustici captati da alcuni microfoni a contatto (i nostri "rivelatori sismici") ai bordi della superficie. Il sistema è così sensibile e accurato che localizza e insegue il movimento provocato anche da un lieve sfioramento. Così, usando solamente i suoni captati, si può leggere cosa sta scrivendo un dito che sfiora una superficie. Inoltre, elaborando questa informazione acustica con un computer, è anche possibile riconoscere come e con cosa la persona sta toccando la superficie."In pratica – spiegano gli esperti del Politecbico – se si applicano a una lavagna tradizionale quattro microfoni a contatto che captino i suoni che si producono quando si scrive col gesso, questa si trasforma in una lavagna elettronica e mentre si scrive compare sullo schermo del PC quello che si scrive. Se invece un pittore agisce sulla superficie con diversi oggetti (pennelli, spazzole, attrezzi, ecc.), il PC oltre a localizzare e a inseguire il punto di contatto, riconosce anche l’oggetto con cui si tocca e traduce le azioni in immagini".Grazie a questo progetto è dunque possibile immaginare un futuro con elettrodomestici sensibili a come li tocchiamo e che reagiscono di conseguenza, con pavimenti che sanno come si spostano le persone che vi camminano sopra e in caso di pericolo danno l’allarme.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Tai-Chi: le macchine sentiranno come noi