Tecnologia al servizio dei panda

La rete dati veloce servirà per migliorare la comunicazione tra gli uffici della riserva e tra questi ed il resto del mondo, permettendo inoltre di potenziare i sistemi d’osservazione. Saranno infatti installate 5 webcam, attive 24 ore su 24, per tenere sotto controllo i panda direttamente dagli uffici e tutti i dati verranno poi immagazzinati in un apposito database, accessibile da tutti i portatili degli addetti. Oltre a migliorare i servizi interni alla riserva, la disponibilità dell’accesso veloce a Internet permetterà di condividere le esperienze ed i dati del centro con il resto della comunità scientifica internazionale. Sarà inoltre possibile far conoscere l’importanza della riserva naturale, fondata nel 1963, al grande pubblico ed illustrare le varie attività che si svolgono al suo interno. Il Wolong Giant Panda Nature Reserve è infatti il primo centro cinese dedicato alla salvaguardia del panda e fa parte del piano elaborato, nel 1989, da Cina e “WWF per garantire la sopravvivenza della specie. Attualmente, all’interno del parco di 200.000 ettari risiedono ben 76 panda giganti, una delle specie a maggior rischio di estinzione. Zhang Weimin, direttore della riserva, ha dichiarato: “La tecnologia digitale ha cambiato la comunicazione tra Wolong e il resto del mondo e promuoverà la condivisione delle informazione sulla protezione dei panda giganti. Ciò non aiuterà solo ad aumentare il numero dei panda giganti, ma anche a gestire l’ambiente in cui vivono, in modo più efficiente”. Un’opera importante quindi, sia per sensibilizzare il pubblico verso il rischio estinzione dei panda, sia per aiutare gli addetti nel lavoro di tutti i giorni.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Tecnologia al servizio dei panda