Telecom cancella importi 709

Le associazioni dei consumatori (Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Arco, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) riconoscono l’impegno profuso da Telecom Italia che, ribadendo la propria totale estraneità al fenomeno di possibili truffe informatiche perpetrate su numerazioni 709 assegnate dal Ministero delle Comunicazioni ad altri Operatori o Services Provider, ha deciso di procedere, in via del tutto eccezionale, alla cancellazione totale degli importi addebitati e non riconosciuti dai clienti. Questa soluzione, determinata in accordo con le Associazioni dei Consumatori, sarà applicata esclusivamente ai clienti residenziali che abbiano presentato reclamo per traffico 709 effettuato entro il 1° settembre 2003 secondo le modalità previste dalle condizioni generali di abbonamento insieme alla denuncia o querela alle autorità competenti. Va ricordato, infatti, che il 1° settembre 2003 è entrata in vigore la delibera 9/03/CIR dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni con la quale il prezzo di una connessione 709 è stato assimilato a quello di una normale telefonate urbana, rendendo di fatto non più “remunerativa” la potenziale truffa attraverso questi servizi. Inoltre, già dal giugno 2003 Telecom Italia aveva reso disponibile, per tutelare tutti i propri clienti, la disabilitazione gratuita alla numerazione 709. Le modalità operative individuate con questo accordo sono valide esclusivamente per il traffico 709 e rappresentano il frutto di un impegno congiunto tra Telecom Italia e le Associazioni dei Consumatori.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Telecom cancella importi 709