Tele-Food teletrasporta alimenti

Sfruttando l’iper velocità delle microonde protoniche, ad una frequenza 2450Mhz proiettate su di un involtino primavera con maiale, ha scoperto che quest’ultimo si dissolveva completamente.
Studi successivi portarono alla scoperta che l’involtino non si era realmente polverizzato ma si era scisso in particelle protoniche subatomiche. A questo punto la grande idea. Kim pensò alla possibilità di riconvertire le particelle d’involtino invertendo il processo di scissione. Creò così il “convertitore di massa protonico”, e tentò l’esperimento cha andò a buon fine. Il passo successivo fu semplice.
Sfruttando la proprietà delle microonde protoniche di trasportare con estrema fluidità le particelle nell’etere, creò i primi due modelli di
Tele-Food , entrambi dotati di un convertitore di massa protonica. Inutile dire che il primo esperimento di tele-trasporto di cibo transoceanico ebbe successo, il processo fu poi applicato al riso cantonese, ai wantong fritti e agli spaghetti di riso in salsa piccante.
Pare che il comitato delle “Mamme Abbandonate”, il C.M.A., abbia già chiesto di candidare l’inventore del
Tele-Food al premio nobel. La loro portavoce ha detto: “Grazie a Dong Kim i nostri figli saranno un pò più vicini a noi e saremo certe che non mangeranno schifezze!”.
Dopo il Tele-Food e la non meno rivoluzionaria FidoBag,
dalla Samsung ora possiamo
aspettarci davvero di tutto. Un consiglio? Se volete maggiori informazioni sui nuovi prodotti non
perdete questo
articolo di Pubblicità Italia, ne scoprirete delle belle….

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Tele-Food teletrasporta alimenti