The Producers, il successo che non t’aspetti

Coinvolgenti, inoltre, i protagonisti: Nathan Lane, Matthew Broderick, Uma Thurman e Will Ferrell. Proiettati in un’atmosfera anni ’50, troviamo un produttore teatrale davvero intrigante con un’idea molto particolare. Max Bialystock (Nathan Lane), questo il suo nome, sta infatti progettando di raccogliere molto più denaro di quanto sia necessario per produrre uno spettacolo di scarsa qualità. Lo scopo? Ovvio, intascare il resto. Ad aiutarlo nell’impresa ci sono anche Leo Bloom (Matthew Broderick) e la sua timida contabile. Il piano sembra ideale per arricchirsi in pochissimo tempo, per poi scappare a gambe levate, ma l’arte, si sa, è fucina di sorprese. Così, mentre i protagonisti ce la mettono proprio tutta per allestire una compagnia da quattro soldi, non immaginano quello che sta per attenderli. Trovato il peggior commediografo di tutti i tempi, imbastita la peggiore commedia e pescata la peggiore attrice, il flop è ormai vicino. Il colpo di grazia, quello decisivo, arriva poi con l’inno al nazismo "Springtime for Hitler" di Franz Liebkind (Will Ferrell) abbinato alla prorompente svedese Ulla. Un vero "papocchio"! Arriva la sera del debutto e… lo spettacolo si dimostra un successo clamoroso. Broadway è in delirio, ma per Max e Leo c’è ora un grosso problema da risolvere. Adattato al grande schermo da Mel Brooks, "The Producers" è il modo migliore per far avvicinare al mondo dei musical anche chi, fino ad oggi, se n’era tenuto ben lontano. Al cinema da venerdì 17 marzo, il film viene distribuito da Sony Pictures Releasing.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > The Producers, il successo che non t’aspetti