Tmsk. Mix di piaceri a Shanghai

Un bancone a dir poco stupefacente per la lunghezza e per la
fantasia delle colorazioni, ci accoglie all’entrata. Vetri intarsiati
separano i vari angoli del locale bar. Cocktails e aperitivi in strepitosi
calici lavorati vengono serviti con celerità e gentilezza in un ambiente
che unisce gusto e raffinatezza.

Salendo le scale si accede al piano superiore. Sembra di entrare in un
regno incantato.

Una sorta di labirinto ci conduce alla sala principale. Alle pareti di
questa serie di corridoi delle teche sapientemente illuminate rivelano vasi
dalle originali forme e strepitose costruzioni vitree. Un autentico invito
in un castello fatato la sala principale. Il blu intenso del soffitto
rivela geometriche luci. Sedere ad uno dei tavoli corrisponde all’essere
catapultati in una fiaba.

L’accuratezza dei dettagli è ineguagliabile. Tovaglie bianche, sedie Stark,
posate dalle forme curiose. La cucina è ottima, e il servizio impeccabile e
ricercato. Un connubbio di sicuro effetto tra arte culinaria e impatto
visivo. Consigliato vivamente per assaporare i piaceri dell’oriente mixati
in uno stile più occidentalizzato ma pur sempre estremamente affascinante.
Andrea Lanari

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Tmsk. Mix di piaceri a Shanghai