Torino: Marco Ferreri. Il cinema, i film

Quello che traspare dalle oltre 100 immagini esposte è il lato più privato di Marco Ferreri. Accanto alle fotografie di scena, che ne ricostruiscono la ricca filmografia, vi sono gli scatti sul set dove Ferreri scherza con gli attori, li osserva divertito o, come un ironico giullare, li protegge con lo sguardo.Si tratta di ritratti firmati da fotografi di scena quali Bruno Bruni, Divo Cavicchioli, Angelo Frontoni, Angelo Pennoni, Claudio Patriarca e Gianfranco Salis. A queste immagini si affiancano le 78 – in bianco e nero e a colori – dell’artista ecuadoriano Fabian Cevallos, per venti anni al fianco di Ferreri. Gli scatti sono realizzati su sette differenti set che ci accompagnano nello straordinario universo di luce e buio che Cevallos plasma con il suo obiettivo e che ci fornisce nuove chiavi di lettura per leggere quelle storie di ordinaria follia raccontate da Marco Ferreri. Questi i set interessati dal rapporto Cevallos-Ferreri: Ciao maschio (1978), Chiedo asilo (1979), Storie di ordinaria follia (1981), Storia di Piera (1983), Il futuro è donna (1984), Come sono buoni i bianchi (1988), e infine Diario di un vizio (1993).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Torino: Marco Ferreri. Il cinema, i film