Traffic 2008: il punk protagonista a Torino

Una scelta, quella degli organizzatori, nata dalla volontà di seguire l’atmosfera dettata dalla presenza dei Sex Pistols e degli Wire. Degni di nota, a tal proposito, divengono così gli ingredienti a base di cinema (una selezione di film e documentari curata da Marco Philopat) e design (la prima mostra antologica in Italia di Jamie Reid, designer degli stessi Sex Pistols).Da non perdere è poi l’evento speciale, affidato quest’anno a Manuel Agnelli, che accanto ai suoi Afterhours ha voluto in scena Patti Smith e i Massimo Volume, ricostituiti per l’occasione e protagonisti al Traffic con una speciale apertura musicale che li vede accompagnare il film muto "La caduta della casa Usher", opera tratatta dagli scitti di Edgar Allan Poe.Novità assoluta è poi l’area delle OGR, simbolo della trasformazione postindustriale della città, mentre il Palaolimpico Isozaki accoglierà il gran finale nottambulo del festival, a suon di Hercules and Love Affair, Alter Ego e Matthew Dear.Sul sito ufficiale del Traffic Torino Free Festival è possibile consultare il programma completo dell’evento che può contare, tra gli altri, anche su nomi del calibro di Tricky, Soulwax, Battles e Fujiya & Miyagi Present Dissonanze Nike + Original Run.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Traffic 2008: il punk protagonista a Torino